I cookies ci aiutano a migliorare la navigazione su questo sito. Restando su queste pagine ci autorizzi ad usare i cookies.
18/09/2018 0 commenti

Il santo Patrono di Vieste è San Giorgio, protettore della città insieme a Santa Maria di Merino.
San Giorgio Martire nacque in Cappadocia intorno al 280 d.c. e fu martirizzato al tempo dell’imperatore Diocleziano.
Nell’iconografia classica il santo cavaliere è ritratto a cavallo mentre trafigge con una lancia un drago per salvare la principessa Silene di Selem (Libia), come narrato nella leggenda Aurea
Il culto del santo venne portato sul Gargano probabilmente dai bizantini e divenne una importantissima figura per i cristiani al tempo delle crociate, insieme a San Michele Arcangelo

San Giorgio diviene così patrono della città di Vieste e dell’arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo.

Il giorno del 23 Aprile la statua lignea del Santo dalla Cattedrale di Vieste, viene portata a spalle, in processione fino alla chiesetta di Santa Maria delle Grazie  lungo le stradine di Vieste assieme alle altre statue.
 Qui viene celebrata un’altra Messa per tornare poi alla Chiesa madre. Intanto nella piazzetta omonima antistante la Chiesa, viene imbandita una lunga tavolata piena zeppa di frittate di tutti i tipi: è la "sagra della frittata", offerta dalla scuola alberghiera alla popolazione.

Dopo la S. Messa la statua di San Giorgio è riportata in Cattedrale con una continua e solenne processione interrotta solo da fuochi pirotecnici.

Nel pomeriggio,verso le ore 18,00,  viene anche effettuata la tradizionale corsa di cavalli sulla spiaggia.
La giornata si chiude con l'esibizione di orchestre e cantanti in piazza Vittorio Emanuele ¬†(detta del ‚ÄúFosso‚ÄĚ) e scenografici fuochi a mare.